Pazin (Pisino)

Il coure d` Istria

PAZIN è una città di lunga e ricca tradizione. E 'situato nel centro della penisola istriana, a soli 30 km di distanza da centri turistici rinomati. L'intensità della vita qui è più o meno la stessa in inverno e in estate, con l'eccezione del mensile ogni primo Martedì, quando un diluvio di acquirenti curiosi da tutto il Istria corre in città per visitare il mercato tradizionale di Pazin.

Castello di Pisino

Il castello di Pisino è la più grande e meglio conservata fortezza in Istria. Nei documenti scritti viene menzionato dal 983. Da quel periodo, il castello di Pisino, insieme all'abitato che si sviluppava attorno, tante volte fu donato, acquistato e derubato, abbattuto, scompartito e dato in appalto. I suoi proprietari ed amministratori cambiavano cosi come pure il suo nome.

Fu sotto il dominio dei patriarchi di Aquileia, in seguito dei conti di Gorizia.Da un luogo sicuro, all'interno delle sue mura, si amministrava tutto il territorio dell'Istria centrale che allora si chiamava Grafschaf Mitterburg, Contea di Pisino cioè Pazinska knežija. L'intera Contea dal 1374 faceva parte della proprietà privata della casa austriaca degli Asburgo. Oggi nel Castello sono sistemate le mostre del Museo Etnografico dell'Istria e del Museo civico di Pisino.

Foiba di Pisino

Ai piedi delle mura del castello, nell'abisso della Foiba di Pisino, il fiume Pazinčica conclude il suo corso superficiale continuando nel sotterraneo verso sud. A un centinaio di metri sotto il livello della città, il fiume sotterraneo forma due laghi sotterranei che tra di loro sono collegati da un sifone.

Nei periodi di piogge intense l'apertura dell'abisso non riesce ad inghiottire tutta l'acqua affluita e per questo nel canyon si forma un vero lago, lungo fino a 2 km. Questi fenomeni sono stati registrati nel 1883, 1896, 1930, 1934, 1935, 1961, 1964, 1974, 1993, 2002 (due volte), 2008 e nel 2009. L'alluvione più grande che si ricorda risale all'anno 1896 quando l'acqua arrivò a 30 m sotto le mura del Castello.

Chiesa parocchiale di San Nicolo

Nell'aspetto originale fu eretta nel 1266, ricostruita poi durante il 400 ed il 700. La sua particolarità è rappresentata dall'arco gotico a rete del presbiterio con il ciclo di affreschi realizzati verso l'anno 1460.

Questi affreschi fanno parte delle più importanti realizzazioni della pittura del tardo gotico in Istria. Lo stesso tipo di costruzione dell'arco fu usato successivamente durante la costruzione di alcune altre chiese istriane tra le quali quella del convento dei Francescani a Pisino.Il grande organo fu opera di Gaetano Callido e risale al 1780. Accanto alla chiesa nel 1705 fu eretto il campanile alto 45 m.
Per la visita chiamare +385(0)52 622 198

Il convento francescano

Il complesso del convento francescano con la chiesa della Visitazione della Beata Vergine Maria fu costruito nel XV secolo, nel periodo compreso tra il 1463 e il 1477. L'edificio ha un presbiterio tardo-gotico realizzato sul modello della chiesa di San Nicola. Nel corso dei secoli passati il convento dei francescani pisinesi ospitava la farmacia e l'ospedale; dal 1781 al 1834 qui operava la scuola popolare, mentre dal 1836 al 1873 anche il liceo con lingua d'insegnamento tedesca.
La festa più importante per i francescani di Pisino è la celebrazione della Porziuncola: la Chiesa ha concesso un privilegio all'Ordine di San Francesco secondo il quale chi visita il 2 agosto la chiesa della Madonna degli Angeli ad Assisi, otterrà il perdono dei peccati. L'usanza si è diffusa in molte chiese francescane, compresa quella di Pisino.
Altri siti importanti >>>

Copyright Central Istria 2018.